Che cos’è l’etere in staking (stETH) e perché sta causando il caos nelle criptovalute?

Ether è la seconda criptovaluta più grande al mondo per valore di mercato.

Jaap Arriens | NurPhoto tramite Getty Images

Un’altra controversa criptovaluta sta causando il caos nel mercato degli asset digitali e questa volta non è una stablecoin.

Staked ether, o stETH, è un token che dovrebbe valere come l’etere. Ma nelle ultime settimane, è stato scambiato con uno sconto crescente sulla seconda criptovaluta più grande, alimentando le fiamme di una crisi di liquidità nel mercato delle criptovalute.

Venerdì, stETH è sceso a partire da 0,92 ETH, il che implica uno sconto dell’8% su ether.

Ecco tutto ciò che devi sapere su stETH e perché preoccupa gli investitori in criptovalute.

Cos’è stETH?

Ogni token stETH rappresenta un’unità di etere che è stata “impacchettata” o depositata in quella che viene chiamata “catena di segnali”.

Ethereum, la rete alla base di Ether, è in fase di aggiornamento a una nuova versione che dovrebbe essere più veloce ed economica da usare. La catena di beacon è un ambiente di test per questo aggiornamento.

Lo staking è una pratica in cui gli investitori bloccano i propri token per un periodo di tempo per contribuire alla sicurezza di una rete crittografica. In cambio, ricevono ricompense sotto forma di rendimenti simili a interessi. Il meccanismo alla base di ciò è noto come “prova di puntata”. È diverso da “prova di lavoro” o mining, che richiede molta potenza di calcolo ed energia.

Per puntare su Ethereum attualmente, gli utenti devono accettare di bloccare un minimo di 32 ETH fino a dopo l’aggiornamento della rete a un nuovo standard, noto come Ethereum 2.0.

Tuttavia, una piattaforma chiamata Lido Finance consente agli utenti di puntare qualsiasi importo di ether e di ricevere un token derivato chiamato stETH, che può quindi essere scambiato o prestato su altre piattaforme. È una parte importante della finanza decentralizzata, che mira a replicare servizi finanziari come prestiti e assicurazioni utilizzando la tecnologia blockchain.

StETH non è una stablecoin come tether o terraUSD, la stablecoin “algoritmica” che è crollata il mese scorso sotto la pressione di una corsa agli sportelli. È più come un IOU: l’idea è che i possessori di stETH possano riscattare i propri token per una quantità equivalente di ether una volta completato l’aggiornamento.

Disaccoppiamento dall’etere

Quando il progetto Terra stablecoin è imploso, il prezzo di stETH ha iniziato a essere scambiato al di sotto di quello di ether mentre gli investitori correvano per l’uscita. Un mese dopo, il prestatore di criptovalute Celsius ha iniziato a fermare i prelievi di account, il che ha visto il valore di stETH scendere ulteriormente.

Celsius si comporta in modo molto simile a una banca, prendendo le criptovalute degli utenti e prestandole ad altre istituzioni per generare un ritorno sui depositi. L’azienda ha preso l’etere degli utenti e lo ha messo in staking attraverso Lido per aumentare i suoi profitti.

Celsius ha più di 400 milioni di dollari in depositi stETH, secondo i dati del sito di analisi DeFi Ape Board. Il timore ora è che Celsius debba vendere il suo stETH, con conseguenti pesanti perdite e una maggiore pressione al ribasso sul token.

Ma è più facile a dirsi che a farsi. I possessori di StETh non potranno riscattare i loro token per ether fino a 6-12 mesi dopo un evento noto come “unione”, che completerà la transizione di Ethereum dalla prova di lavoro alla prova di partecipazione.

Questo ha un prezzo, poiché significa che gli investitori sono bloccati con il loro stETH a meno che non scelgano di venderlo su altre piattaforme. Un modo per farlo è convertire stETH in ether utilizzando Curve, un servizio che riunisce i fondi per consentire un trading più rapido in entrata e in uscita di token.

Il pool di liquidità di Curve per il passaggio tra stETH ed ether “è diventato piuttosto sbilanciato”, ha affermato Ryan Shea, economista presso la società di investimento in criptovalute Trakx.io. Ether rappresenta meno del 20% delle riserve nel pool, il che significa che non ci sarebbe abbastanza liquidità per soddisfare ogni prelievo di stETH.

“L’ETH con staking emesso da Lido è supportato 1:1 con i depositi di staking di ETH”, ha detto Lido in un tweet la scorsa settimana, tentando di calmare i timori degli investitori sulla crescente divergenza di stETH dal valore dell’etere.

“Il tasso di cambio tra stETH:ETH non riflette il supporto sottostante del tuo ETH in staking, ma piuttosto un prezzo fluttuante del mercato secondario”.

Contagio crittografico

Come molte sfaccettature delle criptovalute, stETH è stato coinvolto in un turbine di notizie negative che hanno colpito il settore.

I tassi di interesse più elevati della Federal Reserve hanno innescato una fuga verso attività più sicure e liquide, che a sua volta ha portato a problemi di liquidità nelle principali aziende dello spazio.

Un’altra società con esposizione a stETH è Three Arrows Capital, il crypto hedge fund che si dice sia in difficoltà finanziarie. I registri pubblici della blockchain mostrano che 3AC ha venduto attivamente le sue partecipazioni stETH e il co-fondatore di 3AC Zhu Su ha precedentemente affermato che la sua azienda sta valutando la vendita di asset e un salvataggio da parte di un’altra azienda per evitare il collasso.

3AC non era disponibile a commentare quando è stato contattato dalla CNBC.

Gli investitori temono che il calo del valore di stETH colpirà ancora più giocatori nel settore delle criptovalute.

“Nelle criptovalute non esiste una banca centrale”, ha detto Shea. “Le cose dovranno solo andare a finire e continuerà a pesare sui prezzi delle criptovalute, aggravando l’impatto negativo del contesto macro”.

Il bitcoin è sceso brevemente sotto i 18.000$ a moneta sabato, spingendosi più in profondità ai minimi degli ultimi 18 mesi. Da allora è tornato sopra i $ 20.000. Ether a un certo punto è sceso sotto i $ 900, prima di riprendere $ 1.000 entro lunedì.

La ‘fusione’

La debacle di stETH ha anche portato a nuove preoccupazioni sulla sicurezza di Ethereum. Circa un terzo di tutto l’etere bloccato nella catena di beacon di Ethereum è picchettato attraverso Lido. Alcuni investitori temono che ciò possa dare a un singolo giocatore un controllo eccessivo sulla rete Ethereum aggiornata.

Ethereum ha recentemente completato una prova generale per la sua tanto attesa fusione. Il successo dell’evento fa ben sperare per l’aggiornamento di Ethereum, con gli investitori che si aspettano che si svolgerà già ad agosto. Ma non si sa quando accadrà effettivamente: è già stato ritardato numerose volte.

“Gli ultimi aggiornamenti sui testnet di Ethereum sono stati positivi, il che porta più fiducia a coloro che aspettano la fusione”, ha affermato Mark Arjoon, ricercatore associato presso la società di gestione delle risorse crittografiche CoinShares.

“Quindi, quando i prelievi saranno eventualmente abilitati, qualsiasi sconto in stETH sarà probabilmente annullato, ma fino all’arrivo di quella data sconosciuta esisterà ancora una qualche forma di sconto”.

.

Leave a Comment