I commercianti del mercato della città sono preoccupati per il loro futuro dopo che il comune ha acquistato il loro mercato per trasformarlo in uffici e appartamenti

“Questa attività è il mio sostentamento, paga il mio mutuo ed è l’unico lavoro che ho”. Queste sono le parole di Leigh Richards che possiede il chiosco di riparazione di scarpe The Shoe Box al Caerphilly Indoor Market. Solo pochi giorni prima, il 59enne ha scoperto che il comune vuole demolire l’edificio di quasi 100 anni nel tentativo di trasformarlo in appartamenti e uffici.

“Avevamo la sensazione che qualcosa fosse successo, ma quando ci è stato effettivamente detto, è stato uno shock”, ha detto. “Mi ha fatto sentire un po’ male”. Leigh, che è di Pontypridd, ripara scarpe a Caerphilly da 43 anni. Ha detto che se il piano andasse avanti delineato, lo vedrebbe fare le valigie per sempre.

Leigh ha detto: “Non possiamo permetterci di commerciare in un negozio del centro città, le tariffe sono troppo alte. Si parla del consiglio di metterci da qualche parte in container, ma prova a spostare la mia attrezzatura, si tratta di una tonnellata di peso . Se questo si chiude, me ne vado. Non lo rifarei e sta sventrando. Non sono sicuro di cosa farei dopo perché questo è tutto ciò che ho fatto da quando ho lasciato la scuola, ma sono anche troppo giovane per andare in pensione”.

Leggi di più:Il gelato prodotto nel salone di Caerphilly da un’antica ricetta di famiglia è votato come il migliore del Regno Unito

I piani fanno parte dell’ambizioso programma Caerphilly 2035 da 50 milioni di sterline del comune, destinato a trasformare il centro città nei prossimi 15 anni. La strategia prevede un nuovo boutique hotel, un nuovo centro ricreativo, una stazione da 30 milioni di sterline e un nuovo centro visitatori nel castello. Sono già iniziati i lavori su diversi progetti.

I nuovi piani per il mercato vedranno la riqualificazione dell’intero edificio e delle proprietà adiacenti in Pentrebane Street. Lo spazio sarà completamente riadattato per far posto a uffici e circa 74 appartamenti, spiega WalesOnline.



Leigh Richards

Tuttavia, questa è una completa inversione di marcia sul piano generale del bacino di Caerphilly del consiglio che è stato approvato nel 2018. Comprendeva un progetto per migliorare il mercato esistente in qualcosa di simile al mercato di Newport recentemente rinnovato. I piani precedenti affermavano: “C’è bisogno di una ristrutturazione o riqualificazione significativa dell’edificio stesso, e un esercizio di rebranding e marketing che potrebbe essere basato su un tema o una nicchia specifici (ad esempio prodotti artigianali, abiti vintage, vinile, ecc.) al fine di emulare il successo dei mercati altrove.”

Il consiglio ha descritto con entusiasmo la sua visione del 2022 come un “nuovo entusiasmante programma di riqualificazione multimilionaria”, ma al contrario la maggior parte dei trader del mercato sembra essere stata lasciata a preoccuparsi del proprio futuro.



La maggior parte dei trader sarebbe felice di vedere il mercato esistente migliorato



I commercianti di mercato hanno detto che la strada principale è troppo costosa per loro andare da soli

Stephanie Lennon possiede il tradizionale negozio di dolciumi Sweet Shack al mercato. Ha rilevato l’attività circa un anno fa e ha detto che l’aveva aiutata a superare l’ansia e la depressione. Questa notizia, ha detto, ha lasciato lei e altri commercianti nel limbo.

Ha detto: “Soffro di depressione e quando il blocco ha colpito mi sono resa conto che la mia vita non era cambiata, quindi il mio patrigno l’ha comprato per me. Più tardi ho assunto il ruolo di proprietario ufficiale quando ho guadagnato abbastanza per comprarglielo. Mi fa uscire di casa e vedere le persone, quindi ho una vita per me stesso.Ho scoperto che stava chiudendo quando il consiglio è arrivato giovedì (9 giugno).

“Ho sentito che sarebbero arrivati ​​la settimana prima, quindi non ho acquistato azioni nel caso in cui stessimo per chiudere [at short notice], quindi ora sto finendo. Sono rimasto sventrato quando ho sentito la notizia, ma non è solo questo: siamo ancora nel limbo. Non abbiamo ancora una linea temporale o altro”.



Stephanie Lennon

Stephanie ha detto che oltre a possedere un’attività in proprio presso il sito, c’erano ancora molte altre ragioni per cui la notizia l’ha sconvolta. L’edificio non solo porta i suoi ricordi d’infanzia passati, ma le sarebbero mancati anche i commercianti con cui lavora che sono diventati suoi amici intimi.

“Con la mia depressione e ansia, mi piacciono le persone qui, mi fanno sentire a mio agio e ci aiutiamo molto a vicenda”, ha detto. “Sarebbe molto meglio se potessimo stare insieme. Abbiamo lanciato alcuni suggerimenti al consiglio come il trasferimento nel vecchio edificio di Argos, ma abbiamo detto che potrebbe non essere fattibile.

“Anche se non avessi una stalla qui, questo mi renderebbe triste. A mia nonna è stato appena diagnosticato l’Alzheimer e ho ricordi che sono venuti qui con lei”. Puoi ricevere più notizie su Caerphilly e altri aggiornamenti sulla storia iscrivendoti alle nostre newsletter qui.

Stephanie ha detto di non essere d’accordo sul fatto che l’edificio abbia un disperato bisogno di rinnovamento, ma si chiede perché il mercato non possa essere ripristinato. “Non sono d’accordo sul fatto che abbia bisogno di un restyling”, ha detto. “Mantieni anche la parte superiore come appartamenti e mantieni la parte inferiore come mercato”.



Catherine Livermore con il marito Paul (a destra) e il macellaio Sean Thompson



Carne fresca offerta dall’azienda di famiglia

Catherine Livermore gestisce la Up Market Family Butcher insieme a suo marito Paul e al macellaio Sean Thompson. La 39enne ha descritto la situazione come un “incubo”, ma ha detto di sperare che il consiglio trovi un posto adatto a loro.

Ha detto: “Mio suocero ha avviato questa attività 20 anni fa, poi mio cognato possedeva e io e mio marito l’abbiamo rilevata a gennaio. Significa molto per noi, è di famiglia e noi ‘ Abbiamo rinunciato alle nostre carriere per essere qui.

“Si è sempre parlato di qualcosa che stava accadendo al mercato, ma poiché li abbiamo sentiti per così tanti anni, nessuno pensava che sarebbe successo presto. È un grande shock, ma d’altra parte il consiglio ha ‘ Ho detto che ci cacciano via o che non possono fare niente.

“Stanno cercando di metterci in container come il mercato di Barry. Stavano pensando di metterci dove si trova il vecchio Specsavers che è stato demolito per essere un boutique hotel poiché non sarà costruito prima degli anni a venire. Il i container sono mobili in modo da poterci spostare da qualche altra parte durante la costruzione dell’hotel. Tuttavia, quell’area non è neanche lontanamente pronta, quindi per ora non va bene. È stressante perché idealmente non voglio dover trovare un altro locale in il mio perché le tariffe sono così costose.”

Kevin Grant ha commerciato nel suo chiosco di pesca Castle Tackle and Bait a Caerphilly negli ultimi cinque anni. Il 52enne ha recentemente lanciato una petizione online per salvare il mercato nella speranza che la decisione venga ribaltata. Puoi visitare la petizione qui.

Kevin si è detto preoccupato per ciò che accadrà alle 15 aziende e ai loro dipendenti se la decisione andrà avanti. Crede che un mercato sia molto più adatto allo spazio rispetto agli uffici e alle case.



Kevin Grant di Castle Tackle and Bait

Ma anche la pressione di non sapere cosa accadrà può essere sufficiente per mandare i proprietari a fare le valigie, ha detto Kevin, indicando la vicina bancarella vuota, l’Emma’s Cafe. Una settimana prima che i dipendenti del comune dassero la notizia ai commercianti, il bar ha chiuso a causa di “speculazioni e voci” sulla chiusura del mercato.

Ha detto: “Mi è stato detto in questo mercato negli anni ’90 che non potevi entrare qui a causa delle code e lo rivogliamo – non voglio muovermi.

“Mi sono arrabbiato quando l’ho trovato. Non sto pensando solo a me stesso, alcuni dei commercianti qui sono qui da 10 anni. Non si tratta solo di me, ma di tutti gli altri. Ci sono circa 30 persone colpite e 15 Sento che il comune vuole entrare e dirci cosa sta succedendo, ma poi vuole essere visto come salvatore del mercato.

“Ho provato la strada principale, ma non potevo permettermela. È il doppio dell’affitto all’anno. Posso vedere il potenziale del mercato se viene investito. Non mi sarei alzato così tanto se ci avessero detto Ci saranno negozi qui invece che uffici. perché sono tutti vuoti perché le persone lavorano da casa. C’è più domanda per un mercato, ogni città ha bisogno di un mercato”.



Cheryl Ford

Tuttavia, non sono solo i trader del mercato a essere colpiti. I piani vedranno la chiusura di un certo numero di attività commerciali su entrambi i lati del mercato in Pentrebane Street, anche se non è chiaro esattamente quali. Cheryl Ford, che possiede House of Sparkle direttamente di fronte al mercato, ha affermato di essere una di quelle purtroppo colpite.

“Ho iniziato il mio negozio poco prima del Covid, poi ho avuto il cancro e ora succede”, ha detto. “Ti senti come una cosa dopo l’altra.. C’è voluto così tanto tempo prima che la gente di Caerphilly sapesse che sono qui perché non è una strada su cui camminano, quindi ho speso centinaia e migliaia in pubblicità per far sapere a tutti dove mi trovo e ora sono solo nel limbo. Non sappiamo davvero cosa sta succedendo. Mi sono sentito devastato, ho passato così tanto per poi avere questo “.

Un portavoce del consiglio di Caerphilly ha affermato che una data precisa su quando inizieranno i cambiamenti non può ancora essere data ai commercianti o al pubblico. Ha detto: “Le licenze più recenti firmate dai commercianti sono fino alla fine di agosto. Tuttavia abbiamo ancora molta strada da fare con i proprietari sulle questioni legali che circondano la vendita, quindi è difficile stabilire una tempistica per questo. completati i proprietari avranno sei mesi di tempo per cedere il possesso vacante”.

Ha aggiunto: “Stiamo lavorando con [surveyors] Cooke e Arkwright [to support traders] e collaborare con i commercianti per comprendere le loro esigenze e aspirazioni. Stiamo facendo tutto il possibile per supportare i commercianti e trovare locali alternativi all’interno del centro città. Queste discussioni sono in corso”.

.

Leave a Comment