Il crash di Bitcoin potrebbe far fallire El Salvador? Il governo ha perso $ 40 milioni a causa dei piani per costruire una città criptata

La scommessa Bitcoin di El Salvador potrebbe mettere in pericolo il paese poiché le sue partecipazioni hanno già perso $ 40 milioni a causa di una disfatta della criptovaluta.

Le perdite – pari al prossimo pagamento delle obbligazioni del paese centroamericano – arrivano in un cosiddetto “inverno delle criptovalute” e i piani del presidente di costruire una “città criptata” alimentata da un vulcano per estrarre monetine.

Il presidente Nayib Bukele ha annunciato a settembre che El Salvador sarebbe diventato il primo paese al mondo ad accettare Bitcoin come moneta a corso legale e ha sborsato $ 105 milioni sulla valuta digitale.

Ma da allora il suo valore è sceso del 45% a causa dello scoppio generale della bolla cripto, riducendo il valore dei 2.301 Bitcoin acquistati dalle casse statali fino a 66 milioni di dollari.

La decisione di rendere Bitcoin corso legale ha perplessi gli investitori obbligazionari, che vedono in ciò un’esposizione delle casse statali alla volatilità del mercato delle criptovalute e quindi un impatto sulla capacità del paese di effettuare pagamenti obbligazionari.

“È rischioso perché è un asset estremamente volatile ed è un investimento che è totalmente a discrezione del presidente”, ha affermato l’ex capo della Banca centrale di El Salvador Carlos Acevedo.

Il presidente di El Salvador Nayib Bukele (a sinistra, con il cappello) ha svelato i progetti dello studio di architettura FR-EE per una città finanziata da criptovalute che dovrebbe sorgere sul fianco di un vulcano nel sud del paese

Il presidente Nayib Bukele ha annunciato a settembre che El Salvador sarebbe diventato il primo paese al mondo ad accettare Bitcoin come moneta a corso legale

Il presidente Nayib Bukele ha annunciato a settembre che El Salvador sarebbe diventato il primo paese al mondo ad accettare Bitcoin come moneta a corso legale

La decisione di rendere Bitcoin corso legale ha sconcertato gli investitori obbligazionari, che vedono in ciò un'esposizione delle casse statali alla volatilità del mercato delle criptovalute e quindi un impatto sulla capacità del paese di effettuare pagamenti obbligazionari

La decisione di rendere Bitcoin corso legale ha sconcertato gli investitori obbligazionari, che vedono in ciò un’esposizione delle casse statali alla volatilità del mercato delle criptovalute e quindi un impatto sulla capacità del paese di effettuare pagamenti obbligazionari

Il presidente di El Salvador Nayib Bukele ha sborsato $ 105 milioni sulla valuta digitale.  Ma da allora il suo valore è sceso del 45% in mezzo a uno scoppio generale della bolla cripto, riducendo il valore dei 2.301 Bitcoin acquistati dalle casse statali fino a 66 milioni di dollari

Il presidente di El Salvador Nayib Bukele ha sborsato $ 105 milioni sulla valuta digitale. Ma da allora il suo valore è sceso del 45% in mezzo a uno scoppio generale della bolla cripto, riducendo il valore dei 2.301 Bitcoin acquistati dalle casse statali fino a 66 milioni di dollari

L'autodefinito

L’autodefinito “presidente più cool del mondo” Nayib Bukele (sopra) è un forte sostenitore della criptovaluta Bitcoin

‘Lo compra al telefono quando vuole approfittare del calo, ma non lo fa bene perché quando compra c’è sempre un calo più grande.’

El Salvador deve agli obbligazionisti 382 milioni di dollari di interessi quest’anno, con luglio che è il mese più pesante per i pagamenti poiché 183 milioni di dollari stanno per scadere.

La nazione ha $ 3,4 miliardi di riserve ad aprile, secondo la banca centrale, e ci sono piani per raccogliere $ 1 miliardo attraverso un’obbligazione sostenuta da Bitcoin, anche se dato il crollo del valore della criptovaluta questo è ora in dubbio.

Nonostante queste riserve, i mercati ora dubitano seriamente della capacità di El Salvador di onorare il proprio debito a causa della sua dipendenza con la criptovaluta.

L’agenzia di rating Fitch ha declassato il debito di El Salvador a CCC, o “spazzatura” nel settore, temendo che l’aumento del debito ai livelli del PIL, che dovrebbe raggiungere l’86,9% nel 2022, “aumenta le preoccupazioni sulla sostenibilità del debito a medio termine”.

Bukele ha mantenuto il suo entusiasmo per la valuta digitale anche se il suo prezzo è crollato, essendo raddoppiato con l’acquisto di un’altra tranche di 500 bitcoin il 9 maggio per 15,5 milioni di dollari, ora valutati a 14,1 milioni di dollari solo quattro giorni dopo.

Lo stesso giorno, ha twittato sontuosi piani architettonici per una “città criptata”, una visione fantascientifica lussureggiante e verde di una megalopoli sulla costa completa di punti di riferimento e un aeroporto.

Bukele ha mantenuto il suo entusiasmo per la valuta digitale anche se il suo prezzo è crollato, essendo raddoppiato con l'acquisto di un'altra tranche di 500 bitcoin il 9 maggio per $ 15,5 milioni - ora valutata a $ 14,1 milioni solo quattro giorni dopo

Bukele ha mantenuto il suo entusiasmo per la valuta digitale anche se il suo prezzo è crollato, essendo raddoppiato con l’acquisto di un’altra tranche di 500 bitcoin il 9 maggio per $ 15,5 milioni – ora valutata a $ 14,1 milioni solo quattro giorni dopo

I sontuosi progetti architettonici per una

I sontuosi progetti architettonici per una “città criptata” una visione fantascientifica lussureggiante e verde di una megalopoli sulla costa completa di monumenti e un aeroporto

I piani per Bitcoin City collocano la sua costruzione - la cui data di inizio non è chiara - vicino al vulcano Conchagua nel Golfo di Fonseca nel sud-est del Paese centroamericano

I piani per Bitcoin City collocano la sua costruzione – la cui data di inizio non è chiara – vicino al vulcano Conchagua nel Golfo di Fonseca nel sud-est del Paese centroamericano

“Alberi ovunque”, ha detto su Twitter. “Con una bellissima vedetta nel vulcano.”

I piani per Bitcoin City collocano la sua costruzione – la cui data di inizio non è chiara – vicino al vulcano Conchagua nel Golfo di Fonseca, nel sud-est del Paese centroamericano.

Nayib Bukele – Il primo dittatore millenario?

Nayib Bukele, il quarantenne che si autodefinisce “il presidente più cool del mondo”, ha sviluppato una nuova forma di autoritarismo che altri leader democratici esperti potrebbero presto adottare.

Dall’inizio di maggio lui e i suoi sostenitori hanno fatto delle classiche mosse autoritarie per consolidare la loro presa sul potere e sulla democrazia neutra.

Il 1° maggio ha licenziato il massimo procuratore del paese e la più alta corte, riempiendo entrambe le istituzioni di lealisti.

Da allora ha utilizzato le agenzie statali per molestare i giornalisti, indagare sugli oppositori politici e smantellare i controlli e gli equilibri del governo.

Sta anche redigendo una nuova costituzione.

Ha dichiarato esplicitamente che la sua missione è assicurarsi che i suoi avversari non tornino mai al potere.

Eppure mantiene oltre l’80% del sostegno popolare nei sondaggi.

È sembrato raggiungere questo obiettivo posizionandosi come l’antidoto al famigerato ed endemico establishment corrotto di El Salvador, l’opposizione che desidera non tornare mai più al potere.

Ha deliberatamente fatto appello alle tendenze illiberali dei giovani elettori disillusi dalle politiche democratiche che hanno prodotto decenni di corruzione.

Preferiscono avere un leader autoritario che rappresenti i loro interessi.

Proposta per la prima volta nel 2001, dovrebbe essere una città “intelligente” completamente basata sull’uso di Bitcoin come valuta digitale, dove i cittadini saranno esenti dalla maggior parte delle tasse.

«Non avremo alcuna imposta sul reddito, per sempre. Nessuna imposta sul reddito, zero tasse sulla proprietà, nessuna tassa sugli appalti, zero tasse comunali e zero emissioni di CO2″, ha affermato Bukele in una dichiarazione a novembre.

“Le uniche tasse che avranno a Bitcoin City è l’IVA, metà sarà utilizzata per pagare le obbligazioni del comune e il resto per le infrastrutture pubbliche e la manutenzione della città”.

El Salvador ha lottato con quale valuta utilizzare nel corso degli anni. Ha abbandonato la propria valuta fiat volatile – e quindi il controllo sulla propria politica monetaria – a favore del dollaro USA nel 2001.

Il passaggio a Bitcoin aveva lo scopo di aiutare i cittadini del paese che facevano affidamento sulle rimesse degli Stati Uniti e di altri paesi a evitare i servizi notoriamente predatori attraverso i quali il denaro doveva passare.

Il governo ha sviluppato un’app chiamata Chivo Wallet per facilitare le transazioni crittografiche quotidiane con un omaggio di $ 30 ai cittadini che l’hanno scaricata per promuoverne l’uso.

Ma solo il 20% degli utenti ha continuato a usarlo dopo aver speso l’omaggio, con la volatilità che rende le criptovalute una sicurezza non regolamentata così attraente che la rende una valuta scadente per tutti i giorni.

La nazione era in trattative con il Fondo monetario internazionale su una struttura di fondi estesa per aiutarla a superare le recenti turbolenze, ma queste si sono bloccate sulla decisione di Bukele di rendere Bitcoin moneta a corso legale.

Da allora, gli spread sui credit default swap della nazione – un tipo di assicurazione contro i mancati pagamenti – sono aumentati di oltre 20 punti percentuali, il che implica una probabilità dell’87% di insolvenza nei prossimi cinque anni.

Le opere di El Salvador si trovano sullo sfondo del crollo dei valori delle valute digitali su tutta la linea in un cosiddetto “inverno crittografico” che ha perso miliardi di investitori.

Più di 200 miliardi di dollari sono stati spazzati via dal mercato delle criptovalute solo ieri.

Durante la pandemia, i tassi di interesse bassissimi con l’intenzione di rilanciare le economie hanno portato gli investitori ad acquistare asset più rischiosi come la criptovaluta con tassi di rendimento più elevati.

Poiché l’inflazione alle stelle porta a un aumento dei tassi di interesse al fine di salvaguardare il risparmio, queste attività vengono vendute a favore di titoli di stato più sicuri, che forniranno rendimenti migliori.

.

Leave a Comment