La SEC lancia un’indagine sull’insider trading presso la principale borsa americana dopo il crollo di UST/LUNA

La US Securities and Exchange Commission (SEC) è preoccupata per l’insider trading sugli scambi di asset digitali, ha rivelato un nuovo rapporto. Secondo quanto riferito, l’organismo di vigilanza ha inviato una lettera di richiesta a uno dei principali scambi del paese per determinare quali misure sono in atto per proteggere i clienti ignari.

Fox Business ha riportato per la prima volta l’ultima mossa della SEC nel settore delle risorse digitali in un momento in cui più autorità di regolamentazione si preoccupano. Citando una persona che ha familiarità con la questione, l’outlet ha affermato che nella lettera la SEC voleva sapere come la piattaforma identifica e contrasta i casi di insider trading facilitato attraverso la sua rete.

L’identità dell’exchange a cui mira la SEC è stata nascosta, ma la fonte afferma che il watchdog sta cercando anche molti altri. I rappresentanti delle principali borse, tra cui Crypto.com, FTX e Coinbase (NASDAQ: COIN), hanno tutti rifiutato di commentare, con la SEC che ha preso una posizione simile.

L’ultima sonda del regolatore non sorprende. Dall’inizio di maggio, il mercato è stato scosso dal caos in seguito al crollo della moneta UST ‘unstable’ e del suo token gemello LUNA, entrambi sviluppati da Terraform Labs sotto la guida di Do Kwon.

Quasi immediatamente dopo il crollo di LUNA e UST, che insieme avevano una capitalizzazione di mercato superiore a $ 58 miliardi, il presidente della SEC Gary Gensler ha detto a Bloomberg che la commissione era preoccupata che gli scambi di asset digitali non separassero i loro vari settori di attività, come custodia, mercato produzione e commercio di servizi abbastanza bene da evitare interferenze.

“Crypto ha molte di queste sfide: piattaforme di trading davanti ai propri clienti. In effetti, negoziano spesso contro i loro clienti perché stanno marcando il mercato contro i loro clienti”, ha dichiarato Gensler nell’intervista a Bloomberg all’inizio di maggio.

Le preoccupazioni di Gensler sono valide. Con una supervisione minima sulle loro attività, gli scambi nello spazio delle risorse digitali operano con una mentalità “fai soldi a qualsiasi costo” e si preoccupano poco dei loro utenti.

Oggi, uno dei maggiori market maker del settore è Alameda Research, una società fondata da Sam Bankman-Fried (SBF), che è anche CEO e fondatore di FTX, una delle più grandi borse mondiali. Come riportato in precedenza da CoinGeek, Alameda è nel profondo del cartello criminale di Tether e, a novembre dello scorso anno, aveva ricevuto quasi un terzo di tutti gli USDT mai stampati. SBF è stata persino citata in giudizio per manipolazione del mercato in passato.

Inoltre, Alameda è uno degli investitori più importanti del settore in progetti di token. Uno dei progetti preferiti dell’azienda e di SBF è Solana, un progetto che prometteva di risolvere tutte le sfide di scalabilità di Ethereum, ma ha finito per peggiorare a causa di interruzioni regolari. SBF non ha evitato di promuovere Solana ogni possibilità che ha e affermare che è il prossimo Bitcoin.

Con tutte queste complessità del settore, Jeremy Hogan ritiene che la preoccupazione della SEC per l’insider trading non sia una sorpresa. L’avvocato di valuta digitale di Hogan & Hogan LLP ha detto a Fox Business,

“Una richiesta di maggiori informazioni dalla SEC agli scambi di criptovalute avrebbe senso data la recente enfasi della SEC sulla regolamentazione degli scambi, apparentemente in nome della protezione dei consumatori”, ha affermato Hogan.

“In passato ci sono state accuse di insider che acquistavano grandi quantità di token che sarebbero stati quotati in una borsa valori (aumentando così il prezzo) ma la cui quotazione non era ancora di dominio pubblico, ed è quel tipo di trading che la SEC potrebbe fare avvertendo lo scambio di cui hanno bisogno per ottenere il controllo”, ha aggiunto.

Anche se non è stato ancora rivelato quale borsa ha seguito la SEC, Coinbase è noto per le accuse di insider trading. In passato, è stato osservato che ogni volta che una valuta digitale veniva quotata sulla borsa americana, veniva acquistata in massa giorni prima dell’annuncio e scaricata una volta esplosa dopo la presentazione.

Queste accuse erano recentemente rianimato da alcuni trader con occhi acuti che hanno individuato un’attività irregolare sui token che Coinbase ha successivamente elencato. Il CEO Brian Armstrong ha risposto in un post sul blog, ammettendo che “c’è sempre la possibilità che qualcuno all’interno di Coinbase possa, consapevolmente o inconsapevolmente, far trapelare informazioni a estranei impegnati in attività illegali”.

Seguire Il cartello del crimine crittografico di CoinGeek serie, che approfondisce il flusso di gruppi da BitMEX a Binance, bitcoin.com, Blockstream, ShapeShift, Coinbase, Ondulazione,
Ethereum, FTX e Legare—che hanno cooptato la rivoluzione degli asset digitali e trasformato il settore in un campo minato per attori ingenui (e anche esperti) del mercato.

Nuovo su Bitcoin? Dai un’occhiata a CoinGeek Bitcoin per principianti sezione, la guida alle risorse definitiva per saperne di più su Bitcoin, come originariamente previsto da Satoshi Nakamoto, e blockchain.

Leave a Comment