Note del trading desk: le banche centrali sono entrate in una nuova era?

Le banche centrali hanno dominato i mercati questa settimana

La Fed e molto altro in arrivo. La Banca nazionale svizzera ha sorpreso i mercati con un (a meno 25 pb), il rialzo di 25 pb, ha indicato che probabilmente aumenterebbe di oltre 25 pb a luglio e il rialzo è rimasto fermo. La Bank of Canada dovrebbe aumentare di 50-75 punti base il 13 luglio.

L’azione sui prezzi a breve termine questa settimana nei mercati azionari, creditizi, valutari e delle materie prime è stata perfidamente instabile. L’indice è sceso del 24% circa da inizio anno, il 19% circa e le azioni ETF Vanguard Total Stock Market Index Fund (NYSE:) sono scese del 25% circa.

Le GRANDI domande sulle Banche Centrali

Le banche centrali sono entrate in una nuova era (simile a Volker). dopo più di due decenni di buttare soldi in giro? È la loro determinazione a “abbassare l’inflazione” abbastanza forte da continuare ad aumentare i tassi (e altrimenti inasprire la politica monetaria) come “roba” pause?

Continueranno ad aumentare i tassi in una recessione? Se hanno trovato “religione,” cosa li farà fare retromarcia? (Un mercato azionario in calo del 50%? Un crollo dei prezzi degli immobili? Aumento degli spread creditizi? Tassi di disoccupazione nettamente più alti?)

Dato che erano tristemente in ritardo nell’abbandonare il loro “transitorio” opinioni, il loro tempismo sarà migliore quando i mercati piangono “Zio?”

Le GRANDI domande per i mercati

Le banche centrali sono la forza trainante dei mercati o solo il catalizzatore di uno scaduto “scuotimento?” Se le banche centrali hanno trovato “religione,” questo significa che la maggior parte delle metriche (soprattutto quelle di valutazione) che hanno funzionato negli ultimi due decenni sono ora peggio che inutili?

Se le Banche Centrali hanno inserito a “nuova era” (pensa al presidente della Fed William Martin e alla sua idea di “portando via la ciotola del punch…”) le persone (al dettaglio e istituzionali) che hanno acquistato in Passive Investing inizieranno a vendere?

È già iniziata una recessione?

Tutto dipende dal tuo lasso di tempo

Per i trader a breve termine, la cacofonia di lamenti negativi è una tentazione di ACQUISTARE. Per gli investitori a lungo termine, il ribasso in vari asset ha fatto riflettere sul fatto che non erano così ricchi come pensavano.

La realtà (Mister Market) sta recuperando terreno sull’insostenibilità (eccesso di leva speculativa eccessiva) e TINA è passata di moda.

Indice di fiducia degli investitori

Indice di fiducia degli investitori

Indicatore BofA Bull & Bear

Indicatore BofA Bull & Bear

Azioni

I principali indici devono essere appena al di sopra di dove si trovavano quando l’elezione di Biden e l’annuncio del vaccino Pfizer (NYSE:) nel novembre 2020 hanno innescato il rally finale della corsa alle rose nel mercato rialzista da 12 anni.

Grafico settimanale Emini S&P 500

Grafico settimanale Emini S&P 500

Più problemi hanno avuto un aumento e una caduta più drammatici.

Grafico mensile ARKK

Il calo del ~13% (dall’alto verso il basso) nei dieci giorni di negoziazione dal 3 giugno al 16 giugno. Questo forte calo si è verificato solo in tre diverse occasioni negli ultimi 11 anni, e ogni volta è stato seguito da un sostanziale rally. (Ma se siamo in una nuova era del comportamento della Banca centrale, la performance passata non è una guida per la performance futura.)

Grafico giornaliero dell'Emini S&P 500

Grafico giornaliero dell’Emini S&P 500
Tweet di Ryan Detrick

Tweet di Ryan Detrick

Ampiezza del mercato dell'S&P 500

Ampiezza del mercato dell’S&P 500

Credito

Il TNote statunitense è stato scambiato brevemente a un rendimento minimo record dello 0,50% nell’agosto 2020. Questa settimana è stato scambiato brevemente a un rendimento del 3,5%, un massimo di 11 anni.

Grafico mensile della nota da 10 anni UST

Grafico mensile della nota da 10 anni UST

i prezzi sono crollati da inizio anno. Se il livello di chiusura di questa settimana durasse fino alla fine del mese, sarebbe la chiusura mensile più bassa dai giorni cupi di marzo 2009.

Grafico mensile HYG

I contratti a termine stanno scontando un forte aumento dei tassi di interesse a breve termine da qui a marzo 2023, seguito da un modesto calo. (Questi contratti vengono scambiati a uno sconto rispetto alla parità: prezzi in calo significano tassi di interesse in aumento.)

Grafico Eurodollaro con curva forward

Grafico Eurodollaro con curva forward

I contratti futures di Canadian Bankers Acceptance stanno valutando una traiettoria simile.

Contratti future di accettazione dei banchieri canadesi

Contratti future di accettazione dei banchieri canadesi

Valute

ha raggiunto il massimo da 20 anni questa settimana, con un aumento del 18% circa rispetto a quello che avevo spesso descritto come un “punto di flesso” a gennaio 6, 2021, quando il Capital Building di Washington, DC, era sotto assedio. (Pensa alla citazione di Rothchild sull’acquisto quando il sangue scorre nelle strade.)

Grafico settimanale dell'indice del dollaro USA

Grafico settimanale dell’indice del dollaro USA

La volatilità a breve termine nei mercati valutari è stata malvagia nelle ultime sei settimane.

Grafico settimanale CAD
Grafico settimanale CHF

Merci

Il rialzista la narrativa (carenza di offerta) è stata convincente e il capitale è confluito nel energia mercati, ma per quanto riguarda la domanda?

finora, “richiedere distruzione” Non sembra essere successo, ma i mercati scontano il futuro e il messaggio proveniente dai mercati azionari e creditizi potrebbe innescare almeno una correzione dei prezzi dell’energia.

Grafico settimanale del petrolio greggio

iShares 20+ Year Treasury Bond ETF (NASDAQ:) vs United States Oil Fund, LP (NYSE:) Jaws Gap

Grafico TLT vs. USO Jaws

Grafico TLT vs. USO Jaws

ha tagliato lateralmente entro un intervallo di $ 75 nelle ultime sei settimane poiché l’interesse speculativo continua a diminuire.

Un dollaro USA in aumento e tassi di interesse reali in aumento sono in genere tossici per l’oro, quindi forse l’oro dovrebbe essere accreditato “tenere il proprio” di recente.

Grafico giornaliero dell'oro

Gli indici generali delle materie prime (con una forte ponderazione energetica) potrebbe aver creato un: un breakout fallito al di sopra dei livelli di resistenza recenti (~785) e un “basso alto” (a 825) rispetto al picco massimo all’inizio di marzo.

Grafico giornaliero dell'indice Gs Spot

Grafico giornaliero dell’indice Gs Spot

Il mio trading a breve termine

Qualche mese fa ho posto la domanda retorica: “La Fed metterà sottosopra il mercato azionario nella sua ricerca per ridurre l’inflazione”. Finora, la risposta è “Sì.”

Ho comprato l’S&P quattro volte questa settimana, cercando un rimbalzo. Ho scambiato piccole posizioni e utilizzato stop stretti, ma la perdita netta sul mio P+L è stata di ~0,5%.

Mercoledì, giorno della Fed, ero in vantaggio di 100 punti al massimo della giornata e, se avessi preso profitti, avrei avuto un guadagno dello 0,5% per la settimana invece di una perdita. Ho deciso di rimanere con il trade perché pensavo che il mercato potesse riprendersi (il giorno prima era stato scambiato al minimo di 18 mesi).

Col senno di poi (!) ho rotto il mio nuovo regole sul prendere profitti rapidi in un trade in controtendenza (e “stare con” operazioni in linea con il trend prevalente.)

Ho comprato il giovedì, cercando di superare i massimi precedenti per la settimana (~1,0579). Lo ha fatto, salendo di circa 100 punti sopra il mio prezzo di entrata. (Ho comprato l’euro perché si stava riprendendo nonostante l’Europa fosse sprofondata nel sentimento negativo.)

Grafico Euro FX a 120 minuti

Ancora una volta, ho deciso di rimanere con il commercio, piuttosto che prendere profitti rapidi. C’era un doppio minimo (metà maggio e metà giugno) sui grafici e una rottura sopra la linea di supporto/resistenza di 1,07 potrebbe innescare un grande rally.

Ho alzato il mio stop per limitare le perdite ed è stato eletto venerdì, con una perdita P+L dello 0,15%.

Grafico giornaliero di Euro FX

Ho venduto put TNote a breve scadenza (una settimana) OTM lunedì, pensando che le obbligazioni siano state incredibilmente vendute. VOL era vicino ai massimi storici. Ho coperto la posizione nel corso della giornata per una perdita P+L dello 0,20%.

Sono rientrato nel trade giovedì quando sono rimbalzato dai minimi della settimana (realizzati in tre giorni consecutivi). Ho mantenuto quella posizione nel fine settimana.

Grafico del rendimento di 240 minuti di UST a 10 anni

Grafico del rendimento di 240 minuti di UST a 10 anni

Venerdì ho aggiunto (con cautela) al mio trade rialzista TNotes acquistando futures e scrivendo OTM call a breve scadenza, e ho mantenuto le posizioni nel fine settimana. Il mio P+L netto non realizzato sulle operazioni TNote è ~+0,20% e il P+L del mio conto netto è in calo dello 0,65% circa per la settimana.

Sul mio radar

I mercati si sentono come se fossero a un punto “make or break”.

Come notato nella sezione Azioni sopra, l’S&P è sceso del >12% in dieci giorni solo in tre occasioni dal 2011, ed è rimbalzato, alla grande, dopo ciascuno di questi eventi. Ma se questo è un “nuova era della Fed”, la pressione di vendita può continuare.

S&P 500 mette il grafico dei livelli di trading

S&P 500 mette il grafico dei livelli di trading

Penso che il mercato stia scontando una stretta alla Fed in una recessione, che potrebbe già essere all’alba, e il rallentamento economico si intensificherà rapidamente.

Tweet - Divario tra i rendimenti di 30 e 10 anni

Tweet – Divario tra i rendimenti di 30 e 10 anni

Mio analisi economica è solo uno sfondo per le mie decisioni di trading guidate dall’azione dei prezzi, ma se l’azione dei prezzi è in armonia con la mia analisi economica, sarò propenso a “rimanere con” operazioni vincenti piuttosto che ottenere profitti rapidi.

Considerazioni sul trading e sulla gestione del rischio

Questa settimana ho visto un fantastico video su Realvision TV con Mark Ritchie che ha intervistato il mio amico Peter Brandt.

Peter è il mio tipo di commerciante in quanto non lo ha mai fatto “altalene per le recinzioni”. Crede che il lavoro n. 1 per i trader sia: proteggere il capitale. Vede il trading come un lavoro e sta cercando di costruire un flusso di cassa, non di scegliere grandi vincitori.

Peter si considera un gestore del rischio, non un trader. (Immagina una società di trading di oggetti di scena. Un gruppo di trader è seduto davanti ai loro schermi, cercando di fare soldi assumendosi rischi di mercato. Dietro di loro c’è il risk manager. Il suo compito è assicurarsi che nessuno dei trader faccia saltare in aria l’azienda.

Se un trader perde troppi soldi, riceve un colpetto sulla spalla dal gestore del rischio. Pensa al tuo account come a un’impresa di prop e a te stesso come al gestore del rischio. Proteggi il tuo capitale.)

Dopo aver tenuto traccia delle sue operazioni per oltre 40 anni, Peter ha scoperto che l’80% dei suoi profitti commerciali proveniva da meno del 20% delle sue operazioni.

I profitti su queste operazioni erano sostanzialmente più significativi dei profitti o delle perdite sull’altro 80% delle sue operazioni. Il suo responsabile del rischio il compito è assicurarsi che l’altro 80% delle sue operazioni non mangi nei profitti realizzati dal 20%.

È un tecnico “scoppiare” trader con un orizzonte temporale di swing trading, da pochi giorni a poche settimane. Ha anche scoperto che quasi tutte le operazioni che hanno contribuito all’80% dei suoi profitti hanno iniziato a funzionare immediatamente.

(Ha iniziato lo scambio e ha subito iniziato a fare soldi.) Peter si è reso conto che era essenziale sviluppare regole che gli permettessero di “rimanere con” un’operazione vincente, per dargli la possibilità di essere uno dei grandi vincitori che costituivano il 20% delle sue operazioni.

Real VisionTV: Ero un abbonato fondatore di RTV e mi sono anche abbonato ad alcuni dei loro servizi più costosi. Ho intervistato Raoul alla radio Moneytalks (il talk show finanziario più popolare del Canada) e ho raccomandato vivamente agli ascoltatori di iscriversi a RTV.

Sono rimasto costernato, tuttavia, quando Raoul ha dichiarato pubblicamente al suo pubblico (principalmente millennial, credo) che era “irresponsabilmente lungo” cripto.

Ho pensato che lo fosse “irresponsabile” per farlo, dato il suo guru status con il suo pubblico relativamente poco sofisticato.

Ho cancellato il mio abbonamento RTV ma in seguito mi sono riabbonato. Hanno ottime interviste con analisti e trader eccellenti, e mi scuso per il loro incessante rialzo delle criptovalute.

Leave a Comment