Puoi aiutare la NASA a costruire un simulatore di Marte in VR?

Indipendentemente dal tuo progetto o campo di attività, la simulazione è uno strumento utile per scoprire ciò che non conosci. In molti casi, problemi o problemi non sono evidenti finché non provi a fare qualcosa. Laddove fare quella cosa è costoso o difficile, una simulazione può essere un modo a basso costo per scoprire alcuni problemi senza costi enormi o rischi eccessivi.

Andare su Marte è quanto di più difficile e costoso possa arrivare. Pertanto, non sorprende che la NASA si affidi alle simulazioni per pianificare le sue missioni sul Pianeta Rosso. Ora, l’agenzia spaziale sta lavorando per creare una simulazione di Marte in VR per scopi di formazione e valutazione. La parte migliore è che puoi aiutare!

Perché simulare Marte?

Tramonto su Marte, catturato dal rover Spirit della NASA nel 2005. Anche cose semplici come la notte e il giorno sono diverse su Marte rispetto alla Terra e potrebbero presentare complicazioni per le operazioni della NASA. La simulazione aiuterà a scoprirlo in anticipo. Credito: NASA, pubblico dominio

Quando si tratta di cose come le prestazioni dei razzi e il calcolo delle traiettorie dei satelliti, la NASA è abbastanza ben organizzata quando si tratta di simulazioni. Dispone di team esperti di ingegneri e scienziati che hanno trascorso decenni a migliorare questi strumenti per l’agenzia.

Tuttavia, quando si tratta di mettere gli astronauti sulla superficie di Marte, la NASA non ha davvero molto da fare. In futuro, gli astronauti potrebbero atterrare sul pianeta ed essere incaricati di una varietà di compiti nell’ambiente marziano. Questi potrebbero essere diversi come esplorare a piedi o su mezzi di trasporto motorizzati, creare strutture abitative permanenti o costruire e risolvere i problemi di hardware per generare risorse localmente sulla superficie di Marte.

Gli esseri umani non hanno mai intrapreso nessuno di questi compiti prima, quindi è difficile sapere quali sfide potrebbero presentarsi quando i futuri astronauti arriveranno su Marte. Idealmente, vorremmo avere un’idea abbastanza precisa di come saranno le cose prima che gli astronauti siano lasciati a se stessi su un pianeta a decine di milioni di chilometri di distanza. Arrivare su Marte e scoprire che i tuoi strumenti sono troppo difficili da usare, o che i tuoi alloggi sono impraticabili, sarebbe incredibilmente frustrante quando è troppo tardi per fare qualcosa al riguardo.

È proprio come essere lì

Quindi, una simulazione è d’obbligo! L’agenzia ha già svolto parte del lavoro di base, creando un ambiente marziano nell’Unreal Engine 5 di Epic Games. Conosciuto come Mars XR Operations Support System, l’ambiente virtuale simula le condizioni sulla superficie di Marte come sarebbero vissute dagli astronauti. La simulazione è pensata per essere utilizzata con l’attrezzatura VR, per consentire agli astronauti o ad altri di sentirsi e agire come se fossero davvero sul Pianeta Rosso.

Finora, c’è un ciclo giorno/notte marziano simulato con le condizioni del cielo appropriate, insieme al valore corretto per la gravità marziana. Ci sono anche rover funzionanti e condizioni meteorologiche mutevoli in base alla nostra migliore conoscenza della meteorologia marziana. Il simulatore include un enorme 400 km² (154 miglia²) di terreno da attraversare in base alla ricerca della NASA.

Una delle categorie di sfide è “Allestimento campo”. L’intenzione è quella di creare una simulazione dell’allestimento di un campo su Marte per vedere quali sfide questo potrebbe presentare agli astronauti. Credito: NASA, pubblico dominio

Con tutto ciò che è stato fatto, la NASA è arrivata a un nuovo problema. La simulazione di Marte dell’agenzia lo è in realtà troppo preciso. Proprio come il pianeta stesso, in realtà non c’è niente da fare. È qui che entra in gioco il pubblico. La NASA ha creato il MarsXR Challenge, incaricando il pubblico del compito di popolare il simulatore di Marte con contenuti utili. Naturalmente, il simulatore deve essere riempito con risorse e scenari realistici per poter essere un efficace aiuto didattico e investigativo per la NASA e i suoi astronauti.

Seb Loze, direttore commerciale di Unreal Engine per le simulazioni di Epic Games, nota l’opportunità che ciò offre a coloro che sono coinvolti. I creatori possono utilizzare Unreal Engine per costruire scenari di simulazione realistici per aiutare a preparare la NASA per missioni future, sulla luna o su Marte”, ha affermato Loze, aggiungendo “Che tu sia un game designer, un architetto, un hobbista o uno scienziato missilistico, chiunque può costruisci con UE5 e non vediamo l’ora di vedere le simulazioni immersive che la community propone”.

Gli astronauti usarono notoriamente il Lunar Roving Vehicle per aggirare la Luna nelle successive missioni Apollo. Siamo sicuri che pochi perderebbero l’occasione di guidare qualcosa di simile sulla superficie di Marte. Credito: NASA, pubblico dominio

La competizione è ospitata sulla piattaforma di crowdsourcing HeroX, che aiuta i clienti a condividere progetti con un pubblico più ampio per trovare soluzioni utili e uniche. Secondo il sito web della sfida, ci sono cinque categorie separate in cui i concorrenti possono essere coinvolti. Quattro sono categorie orientate alle attività, tra cui Allestimento del campo, Ricerca scientifica, Manutenzione ed Esplorazione. La categoria finale, Blow Our Minds, è un invito per i creativi e tecnicamente esperti a fare qualcosa che impressioni semplicemente i giudici oltre ogni aspettativa.

La sfida arriva con un montepremi di $ 70.000, che sarà diviso in 20 premi individuali. Ogni categoria ha quattro premi, con il vincitore assoluto di ciascuna che ottiene $ 6.000 per il proprio lavoro. Non c’è bisogno di limitare te stesso o la tua squadra, però. La NASA accoglie più voci in più categorie e anche i partecipanti possono ricevere più premi.

Potresti avere un’ottima idea per una simulazione medica marziana, o forse un’entusiasmante missione in cui gli astronauti guidano lontano nel deserto rosso su qualcosa che si avvicina al Lunar Roving Vehicle. Forse ti piacerebbe simulare un’operazione di recupero per riportare in vita il coraggioso rover Spirit, che ha servito con distinzione e merita di tornare a casa.

Qualunque siano le tue idee, il termine ultimo per la presentazione è il 27 luglio 2022. Crea un’idea, metti insieme la tua squadra e inizia!

Leave a Comment