Recensione di Redmi Note 11 Pro+ 5G

(Pocket-lint) – Redmi ha una gamma piuttosto confusa di telefoni di fascia media nella famiglia Note 11. Non solo ha modelli con lo stesso nome, ma anche dispositivi con specifiche diverse per regioni diverse. Ogni telefono è diverso, ma forse non è giustificato.

Il Redmi Note 11 Pro+ 5G si colloca ai vertici della gamma, eguagliato molto da vicino dal Redmi Note 11 Pro 5G. Nota qui la parte 5G, perché ci sono anche alcuni modelli 4G nella famiglia che sono dotati anche di hardware diverso.

Una volta che hai avvolto la testa nella gamma, quindi, probabilmente ti starai chiedendo come si confronta il Note 11 Pro+ con il suo fratello e altri telefoni Android nella stessa fascia di prezzo.

Abbiamo testato per scoprirlo.

La nostra presa veloce

Sia nel prezzo che nelle prestazioni, il Redmi Note 11 Pro+ 5G non differisce enormemente dal Note 11 Pro 5G. Ottieni quel caricabatterie veloce per un po ‘più di soldi e, devo ammettere, che la velocità di ricarica è impressionante, ma sul resto del dispositivo c’è poco altro per contrassegnare questi telefoni a parte un piccolo aumento del processore.

Sembra quasi che Redmi fosse così disperato da ottenere un telefono con ricarica da 120 W sul mercato che è andato avanti e lo ha fatto, piuttosto che aspettare un altro anno.

Quindi, non possiamo davvero dire che questo telefono giustifichi il suo posto accanto al Note 11 Pro 5G, perché sono così simili e hanno gli stessi problemi software. Anche l’obsoleto Android è un grosso difetto di questo dispositivo.

Come tuttofare, tuttavia, Redmi Note 11 Pro+ è perfettamente competente, offrendo buone prestazioni e un buon rapporto qualità-prezzo, con la ricarica rapida come bonus. Basta essere consapevoli del fatto che questo è l’unico vero sfarfallio di eccitazione: il resto di questo telefono funziona praticamente senza problemi.

Per

  • Buona visualizzazione
  • Ricarica incredibilmente veloce
  • Solida prestazione complessiva
  • Buoni oratori
  • Caricabatterie da 120 W incluso
Contro

  • Esperienza software goffa
  • Versione Android obsoleta
  • Prestazioni Bluetooth traballanti
  • Batteria più piccola del fratello più economico

scoiattolo_widget_7007977

Progetta e costruisci

  • 163,65×76,19×8,34 mm
  • 204 g
  • Scanner per impronte digitali montato lateralmente
  • Altoparlanti stereo

Il Redmi Note 11 Pro+ assomiglia molto al Redmi Note 11 Pro; sarebbe difficile distinguerli, ma, come rivelano i pesi e le misure, sono in cornici diverse.

I modelli Pro di questa famiglia sono caratterizzati dai fianchi e dalla parte posteriore appiattiti. I bordi squadrati non sono così eccezionali su telefoni di grandi dimensioni e preferiamo di gran lunga le curve più morbide che non tagliano in dita allungate. Così com’è, questo telefono è più comodo da usare quando si trova nella custodia di plastica morbida inclusa nella confezione. In realtà ci piace la finitura smerigliata sul retro del telefono, salva questo dispositivo dalle impronte digitali e la luce luccica bene su di esso, specialmente sul Forest Green nella foto sotto.

Lanugine tascabileRedmi note 11 pro plus foto 11

La telecamera si trova su un’isola in alto a sinistra. Ciò posiziona la parte superiore della fotocamera principale e assembla gli obiettivi di supporto e il flash sotto di essa: un cerchio sembra essere solo un pannello bianco, rattoppato per motivi di simmetria.

Il sensore di impronte digitali risiede nel pulsante di accensione sul lato destro del telefono ed è stato completamente affidabile durante i nostri test; ci sono altoparlanti stereo, insieme a una sottile incisione “Sound by JBL” sul telaio, che ci piace.

Anche quegli altoparlanti sono abbastanza buoni. Certamente non mancano di volume o bassi ragionevoli, quindi sono un’aggiunta preziosa per chi guarda video ad hoc o gioca ad alta voce.

Lanugine tascabileRedmi note 11 pro plus foto 10

Questo telefono mantiene anche la sua presa per cuffie da 3,5 mm, un bonus per coloro che desiderano utilizzare un set esistente di cuffie cablate. C’è anche un grado di protezione IP53, che è sufficiente per la protezione dagli schizzi di base.

Nel complesso, c’è poco di cui lamentarsi, ma nemmeno una quantità enorme di cui essere entusiasti quando si tratta del design.

Schermo

  • 6,67 pollici, AMOLED
  • 2400 x 1080 pixel (395ppi), 120 Hz
  • Gorilla Glass 5

C’è una sensazione di somiglianza sui recenti display Pro di Redmi. Il display da 6,67 pollici è Full HD+, AMOLED e offre una frequenza di aggiornamento di 120 Hz. Non è adattivo, come potresti trovare su dispositivi di fascia alta, e abbiamo anche scoperto che era disattivato per impostazione predefinita, quindi cerca quell’impostazione e attivala se desideri una grafica più fluida.

Il motivo per cui non è acceso è quello di preservare la durata della batteria – e con una batteria più piccola nel Note 11 Pro+ rispetto al Note 11 Pro, è qualcosa che potresti prendere in considerazione – ma ne parleremo più avanti.

Lanugine tascabileRedmi note 11 pro plus foto 5

C’è una fotocamera perforata al centro del display ed è perfettamente luminosa e vibrante, senza lasciare nulla di cui lamentarsi.

A volte la luminosità automatica diventa un po’ confusa e ci siamo ritrovati a camminare in condizioni luminose con il display che sembra pensare che fuori sia buio; quasi come se fosse oscurato perché non lo stavi usando.


Le migliori offerte di telefoni cellulari per Samsung S21, iPhone 12, Google Pixel 4a / 5, OnePlus 8T e altri

La cosa buona, tuttavia, è che Redmi ha un software di gioco decente che entra in funzione quando inizi a giocare, che include un rapido accesso ai controlli della luminosità e la possibilità di disattivare la luminosità automatica senza scherzare.

Lanugine tascabileredmi note 11 pro plus foto 6

Nel complesso, non siamo davvero sorpresi che Redmi sia rimasto con questo display: è abbastanza buono e c’è poco di cui lamentarsi.

È coperto da una protezione antigraffio montata in fabbrica e, ironia della sorte, la superficie in plastica più morbida di questa protezione raccoglie i segni abbastanza facilmente, quindi presto sembra disordinata. Potresti volerlo rimuovere per la migliore grafica, soprattutto se utilizzi già una custodia per proteggere il telefono e il display.

Prestazioni e durata della batteria

  • MediaTek Dimensioni 920, 6/8 GB, 64/128 GB + microSD
  • Ricarica da 4500 mAh, 120 W

Ci sono un paio di modifiche all’hardware che contraddistinguono questo telefono dal Note 11 Pro 5G e che include l’hardware principale e la batteria.

C’è un passaggio dallo Snapdragon 695 nel Pro al Dimensity 920 di MediaTek nel Pro+, creando un vero dilemma per gli acquirenti se vogliono scegliere il marchio più forte – Snapdragon – o il Dimensity 920 potenzialmente più performante.

Lanugine tascabileRedmi note 11 pro plus foto 9

Per quanto riguarda i dispositivi di fascia media (e qui siamo ancora nella fascia più economica del mercato), ci sono molte prestazioni nelle attività quotidiane e le cose sono praticamente indistinguibili dall’hardware di punta quando si tratta di sgranocchiare la posta elettronica o lavorare sui tuoi social media.

La maggior parte dei fastidi prestazionali provengono invece dalla MIUI, che qui compare come versione 12.5 in poi Android 11. Quindi, è obsoleto rispetto al resto del mercato, ma sembra anche cambiare molto per il gusto di cambiarlo – e vale sicuramente la pena annullare queste modifiche per tornare a una disposizione più pratica, come passando alla navigazione gestuale, disabilitando il carosello della schermata di blocco e ripristinando il riquadro delle impostazioni rapide e delle notifiche su un’entità combinata, anziché separata come predefinita.

Puoi dare un’occhiata a una serie di suggerimenti MIUI nel nostro video di YouTube qui.

Lanugine tascabilefoto di esempio foto 8

Abbiamo riscontrato che il Bluetooth è un po’ roccioso, facendo un paio di tentativi per connetterci alle cuffie (abbiamo provato un paio di marche diverse), rendendolo più un pasto di quanto dovrebbe essere in realtà.

Per il resto, tuttavia, la connettività – compreso il 5G – sembrava abbastanza solida, senza problemi segnalati durante le chiamate e senza problemi di streaming o di accesso a fonti ricche di dati. Abbiamo anche riscontrato che il passaggio dal Wi-Fi al cellulare è piacevole e fluido, senza l’inciampo che subiscono alcuni telefoni quando esci di casa.

Quando si tratta di prestazioni di gioco, non è una potenza grafica, ma è abbastanza buona. In attesa di passare alla modalità 120fps attiva Call of Duty Mobile ti porta a una grafica bassa, il che non vale il compromesso, ma il gioco è perfettamente giocabile a 60 fps, quindi non è un grosso problema.

Poi hai la batteria, o meglio, la ricarica. Una delle grandi aggiunte al Redmi Note 11 Pro+ 5G è la ricarica da 120 W, che è incredibilmente veloce. Per adattarsi a questo, c’è un calo a una cella da 4500 mAh, più piccola della 5000 mAh del Note 11 Pro con la sua ricarica da 67 W.

Lanugine tascabileRedmi note 11 pro plus foto 8

Hai bisogno di caricare così velocemente? Bene, la buona notizia è che nella confezione viene fornito un caricabatterie da 120 W e osiamo dire che potresti usarlo anche per tutti gli altri dispositivi. Così com’è, supportare la ricarica rapida è un’ottima cosa, perché il telefono si caricherà in un lampo e non devi davvero preoccuparti di quando caricherai il telefono, perché basta collegarlo e tocca a un livello superiore percentuali in circa 15 minuti.

Lo svantaggio – e c’è uno svantaggio – è che la resistenza di questo telefono non è eccezionale. Sembra felice di bruciare tutta la potenza che ha e spesso ci siamo trovati alla fine della giornata con una batteria al di sotto del 15%. Molte cose contribuiscono a questo, specialmente se ci giocherai, poiché le richieste per il processore sono quindi elevate.

La durata della batteria è inferiore a quella stellare? Non quando puoi collegarlo per 15 minuti e poi tornare alla normalità.

Lanugine tascabileredmi note 11 pro plus foto 12

Caricamento e prestazioni della fotocamera

  • Sistema a tripla fotocamera:
    • Principale: 108 MP, f/1.8
    • Ultrawide: 8 MP, f/2.2, 120°
    • Macro: 2 MP, f/2.4
  • Anteriore: 16 MP, f/2.4

Sul Note 11 Pro+ 5G, Redmi elimina il sensore di profondità dal Note 11 Pro 5G – non che noterai la differenza. In caso contrario, il loadout della fotocamera è effettivamente lo stesso. Ciò significa che è dotato di un sensore da 108 megapixel, anche se la risoluzione massima viene sbloccata solo se si accede alla modalità “Pro”.

In caso contrario, utilizza il binning di 9 pixel in 1, risultando in una foto da 12 megapixel, che è una pratica piuttosto standard su tali dispositivi. Il sensore ad alta risoluzione è davvero un gioco di schede tecniche, dando a Redmi qualcosa su cui gridare, piuttosto che offrire risultati notevolmente migliori di un sensore da 50 o addirittura 12 megapixel.

Tuttavia, è un esecutore decente ed è abbastanza veloce da catturare le immagini. Non ha il pop del Pixel, ovviamente, o il delizioso risultato dell’ultimo telefono Samsung – entrambi sembrano sfruttare l’elaborazione post-acquisizione in modo più efficace – ma i risultati sono abbastanza buoni. Probabilmente noterai anche che non è così abile con le scene HDR o nel gestire i colori brillanti, che spesso sovraespongono e perdono i dettagli. Tuttavia, esiste una modalità notturna decente che darà risultati molto migliori rispetto alle foto standard scattate in condizioni di scarsa illuminazione.

L’aggiunta della fotocamera ultrawide è ottima, in quanto si tratta di un obiettivo utile, se non della migliore qualità, ma qui non c’è il teleobiettivo. Puoi toccare fino a 2x o pizzicare fino a 10x, ma più vai avanti, più qualità perdi. È qui che questa fotocamera non può davvero competere con i modelli di punta. C’è anche il sensore macro, ma vale a malapena una menzione, in quanto è di bassa qualità.

La fotocamera frontale da 16 megapixel è ragionevole, una volta domate le caratteristiche di “bellezza” per ammorbidire il viso che ti daranno risultati peggiori, a meno che tu non lo voglia, ovviamente. Offre un rilevamento dei bordi abbastanza buono per i ritratti con sfondi ben sfocati, con la possibilità di modificare l'”apertura” per cambiare l’intensità dell’effetto di sfocatura dello sfondo. Le immagini in condizioni di scarsa illuminazione si attenuano rapidamente, ma all’aperto va bene.

L’acquisizione video supporta fino a 4K/30fps, nel frattempo, e dovrai tornare a 1080p se vuoi 60fps. Nel complesso, è una fotocamera perfettamente buona, che dà buoni risultati nella maggior parte delle situazioni.

Per ricapitolare

Il Redmi Note 11 Pro+ 5G non differisce enormemente dal leggermente più economico Note 11 Pro 5G nelle prestazioni complessive o nell’esperienza. Ha una ricarica davvero veloce, tuttavia, che potrebbe oscillare per te. Altrimenti, c’è poco da scegliere tra i due: è solo un esecutore leggermente migliore.

Scritto da Chris Hall.

Leave a Comment