SEC indaga su Binance, tutti gli scambi crittografici statunitensi: Forbes

Da asporto chiave

  • La SEC sta indagando su Binance e su ogni scambio di criptovaluta statunitense, ha affermato un rapporto di Forbes che cita una fonte anonima dell’ufficio del senatore Lummis (R-Wy).
  • La SEC ha intensificato i suoi sforzi per regolamentare lo spazio delle risorse digitali nelle ultime settimane, inclusa un’indagine su Coinbase per presunti elenchi di titoli non registrati.
  • Il regolatore finanziario deve affrontare una battaglia con la Commodity Futures Trading Commission mentre tenta di affermarsi come il principale regolatore statunitense del mercato delle criptovalute.

Condividi questo articolo

L’autorità di regolamentazione finanziaria ha intensificato la supervisione dello spazio delle risorse digitali nelle ultime settimane.

Borse americane sotto inchiesta

Coinbase non è l’unico exchange di criptovalute su cui la SEC sta tenendo d’occhio, secondo un membro dello staff dell’ufficio della senatrice Cynthia Lummis (R-Wy).

Un rapporto di giovedì da Forbes citando un dipendente senza nome dell’ufficio di Lummis ha affermato che il regolatore finanziario statunitense sta sondando Binance e ogni scambio di criptovaluta statunitense. Secondo la fonte, la SEC sta cercando di affermarsi come il principale regolatore di criptovalute del paese mentre continua la sua battaglia con la Commodity Futures Trading Commission degli Stati Uniti per la supervisione del settore.

La CFTC ha mantenuto l’autorità sulle “valute virtuali” dal 2014, ma negli ultimi anni la SEC ha chiarito che vuole tenere un tribunale nello spazio. Il presidente della SEC Gary Gensler ha avvertito in più occasioni che molti token crittografici potrebbero qualificarsi come titoli non registrati e la scorsa settimana l’agenzia ha dato il suo suggerimento più forte che vuole reprimere il mercato nascente. In una breve dichiarazione in cui si affermava che un ex dipendente di Coinbase e due dei suoi associati si erano impegnati in insider trading, la SEC ha affermato che lo scambio consente ai clienti di scambiare “almeno nove” titoli non registrati.

La SEC intensifica la supervisione delle criptovalute

Mentre le accuse di insider trading di Coinbase hanno inviato onde d’urto in tutto il settore, l’affermazione della SEC è stata anche degna di nota in quanto non ha mai preso di mira uno scambio in precedenza sui suoi token supportati. È quindi emerso che il regolatore stava sondando Coinbase. Binance.US ha risposto rimuovendo uno dei token menzionati, AMP.

L’ira della SEC non si è fermata con Coinbase. Dal deposito dell’insider trading, Gensler ha dichiarato di non vedere alcuna differenza tra le borse di criptovaluta e le tradizionali sedi di negoziazione di azioni, aggiungendo che ci sono “conflitti di interesse intrinseci” con le borse che agiscono come market maker. La SEC ha anche accusato 11 persone dietro Forsage in quello che ha definito uno “schema piramidale crittografico” che è costato agli investitori $ 300 milioni.

Mentre la SEC ha recentemente intensificato i suoi sforzi per regolare lo spazio delle risorse digitali, la CFTC ha anche ricevuto una possibile strada per stabilire una maggiore supervisione sulle criptovalute. Questa settimana, la Commissione Agricoltura del Senato ha introdotto il Digital Commodities Consumer Protection Act del 2022. Se approvato, il nuovo disegno di legge vedrebbe Bitcoin ed Ethereum classificati come materie prime e darebbe alla CFTC la supervisione degli scambi che li elencano per il trading. Con Bitcoin ed Ethereum che detengono i primi due posti nella classifica delle criptovalute, ciò includerebbe La divisione statunitense di Binance, Coinbase e ogni altro importante scambio di criptovalute. La proposta di legge potrebbe in teoria ancora vedere altri token classificati come titoli e quindi rientrare nella competenza della SEC. Tuttavia, il disegno di legge dovrebbe passare attraverso il Congresso per entrare in vigore, il che significa che gli scontri CFTC e SEC potrebbero continuare ancora per qualche tempo.

Divulgazione: al momento in cui scrivo, l’autore di questo pezzo possedeva ETH e diverse altre criptovalute.

Condividi questo articolo

Leave a Comment

Your email address will not be published.