Senatori sugli NFT, chiedi agli uffici brevetti e copyright degli Stati Uniti i diritti di proprietà intellettuale

In una lettera del 9 giugno 2022 ai direttori dell’US Patent and Trademark Office (USPTO) e dell’US Copyright Office, i senatori Thom Tillis (R-NC) e Patrick Leahy (D-VT) hanno chiesto alle agenzie di intraprendere insieme uno studio considerazioni sui diritti di proprietà intellettuale (IP) in relazione a token non fungibili (NFT o NFT).

Gli NFT sono oggetti digitali: ogni NFT ha un’impronta digitale unica che è immutabile, registrata e archiviata su una blockchain. Gli NFT rappresentano la proprietà di oggetti unici. Anche la proprietà e l’assegnazione di NFT sono registrate su una blockchain, consentendo un’archiviazione sicura e trasparente e la blockchain garantisce che sia possibile creare un solo NFT per ciascun elemento. (Questo è diverso da, per esempiostreaming di file musicali o fotografie digitali, che possono essere copiati, incollati e ampiamente distribuiti.)

La creazione e vendita di NFT ha generato un grande volume di attività in tutto il mondo e, con acquisti di alto profilo che hanno raggiunto decine di milioni di dollari, una notevole attenzione da parte dei media. Finora, l’adozione di NFT è stata più importante nello spazio delle opere d’arte e degli oggetti da collezione (per esempioper quanto riguarda disegni, musica, immagini e video), ma le NFT possono designare la proprietà di qualsiasi risorsa unica (digitale o fisica) ed è probabile che la loro accettazione cresca.

Significato. Tillis e Leahy, rispettivamente membro della classifica e presidente della commissione del Senato sulla sottocommissione giudiziaria per la proprietà intellettuale, ne hanno preso atto. Citando l’obbligo del loro comitato di considerare i diritti di PI per le tecnologie emergenti e l’impatto che tali tecnologie potrebbero avere sui diritti di PI, la lettera chiede all’USPTO e al Copyright Office di studiare le seguenti domande 1 per quanto riguarda NFT e IP nel prossimo anno:

  1. Quali sono le attuali applicazioni degli NFT e le rispettive sfide relative alla PI e alla PI?

  2. Quali potenziali applicazioni future delle NFT prevedete e quali sono le rispettive potenziali sfide della PI?

  3. Per le applicazioni attuali e potenziali future degli NFT:

    ha. Come si applicano i trasferimenti di diritti? In che modo il trasferimento di una NFT incide sui diritti di proprietà intellettuale nell’asset associato?

    b. Come si applicano i diritti di licenza? È possibile e come possono essere concessi in licenza i diritti di proprietà intellettuale nell’asset associato in un contesto NFT?

    contro In che modo si applica la violazione? Qual è l’analisi della potenziale violazione in cui una NFT è associata a un bene coperto da PI di terzi? O dove l’attività sottostante associata a una NFT è di proprietà del creatore della NFT e violata da un altro?

    d. Quale protezione della proprietà intellettuale può essere garantita? Quale protezione IP può essere offerta al creatore di NFT? Cosa succede se il creatore della NFT è una persona o entità diversa dal creatore della risorsa associata?

    e. In quale altro modo si applica 17 USC § 106?

  4. Quali sono gli usi attuali e futuri, interni ed esterni alle vostre agenzie, per l’utilizzo di NFT per proteggere e gestire i diritti IP?

  5. In che modo le attuali protezioni legali per il diritto d’autore, come il DMCA, si applicano ai mercati NFT e sono adeguate per affrontare gli attuali problemi di violazione?

I senatori stanno cercando di “capire come gli NFT si inseriscono nel mondo dei diritti di proprietà intellettuale – come tali diritti stanno oggi e come possono evolversi man mano che ci muoviamo nel futuro” 2 e sollecitare i Direttori a consultarsi con il settore privato nella formulazione delle risposte. Sebbene alcune domande possano sembrare ampie, sono orientate a produrre un rapporto di ampia portata che, idealmente, fornirà linee guida su come trattare le NFT nel regno della PI in futuro.

Le domande sono importanti perché i diritti d’autore e di marchio, e in alcuni scenari i diritti di brevetto, Potere proteggere le NFT o alcuni loro elementi; vari proprietari di marchi e diritti d’autore hanno fatto valere con successo i loro diritti attraverso reclami per violazione presso il tribunale distrettuale o presentando rimozioni DMCA nei mercati NFT (per esempio, Mare aperto). Tuttavia, i contenziosi in materia stanno proliferando ei risultati sono incerti; ci aspettiamo avvisi successivi per discutere alcune di quelle sentenze mentre emettono.

Sfortunatamente, i problemi che l’innovazione NFT cerca di risolvere fornendo un acquirente NFT alcuni la verifica dell’autenticità non è sempre in linea con la realtà del fatto che un venditore NFT possieda effettivamente qualsiasi marchio o diritto di copyright che può essere allegato all’NFT. Allo stesso modo, la vendita di un NFT non trasferisce necessariamente il diritto d’autore o la proprietà del marchio (o anche i diritti di licenza). Di conseguenza, la prova della proprietà di NFT non è attualmente sufficiente per dimostrare la proprietà dei diritti di PI all’USPTO o all’Ufficio del copyright.

È chiaro che con la rapida espansione dell’uso delle NFT, aumenteranno anche le implicazioni legali. L’USPTO e il Copyright Office hanno un compito difficile nel preparare un rapporto sui diritti di proprietà intellettuale in risposta alle domande poste dal Sens. Tillis e Leahy che affronta sia il presente che il futuro delle NFT.


1 Lettera, pp. 1-2.

2 Lettera, pag. 1.

Copyright © 2022, Hunter Andrews Kurth LLP. Tutti i diritti riservati.National Law Review, volume XII, numero 173

Leave a Comment