UNAM. Inaugurato il laboratorio di intelligenza artificiale e alta tecnologia

UNAM. Inaugurato il Laboratorio di Intelligenza Artificiale e Alta Tecnologia a

• La scienza dei dati e l’intelligenza artificiale genereranno 5,5 miliardi di dollari nel 2030, ha affermato Enrique Gray Wichers

• È imperativo ottenere un brevetto in innovazione, sviluppo tecnologico e capacità digitale, ha affermato Marcelo Ebrard Casabon

• La cooperazione aperta porta al successo condiviso, ha affermato Cao Jibin

• È stata inoltre firmata una lettera di intenti tra la National University, SRE e Huawei per promuovere lo sviluppo delle capacità digitali in Messico.

Inoltre, hanno firmato una lettera di intenti per la Coalizione per la promozione dello sviluppo delle capacità digitali in Messico, che mira a sostenere e incoraggiare progetti di innovazione tecnologica con un’enfasi sull’intelligenza artificiale e che contribuiscono alla soluzione dei problemi sociali. Noi facciamo.

Alla cerimonia, il rettore ha ringraziato la generosità dell’azienda Huawei e i buoni uffici del ministero degli Esteri messicano per il laboratorio. Ha inoltre sottolineato l’impegno dell’UNAM a essere coinvolto in modo decisivo nella creazione di progetti innovativi, per i quali ha realizzato negli ultimi anni importanti infrastrutture e creato una laurea in data science, e corsi incentrati sull’intelligenza artificiale. È.

“È un impegno che dobbiamo abbracciare con tutte le nostre forze”. Ha sottolineato che la produzione di dati è cresciuta verticalmente negli ultimi anni e si stima che l’impatto economico di questi e dell’intelligenza artificiale sull’economia globale sarà di circa 5,5 trilioni di dollari nel 2030. Nel frattempo, l’uso dei computer aiuterà a ridurre le emissioni di gas serra fino a al quattro per cento.

Nel suo intervento, il ministro degli Esteri Marcelo Ebrard ha affermato che la lettera di intenti “ci permetterà di avere più ricercatori, ricercatori in grado di sviluppare circuiti, algoritmi, complessi sistemi di calcolo che ci permettono di accelerare il passo. […] Se digitalizziamo la nostra società, possiamo avere una copertura finanziaria del 100 o del 98%, il che aumenterà notevolmente il potenziale di crescita dell’economia.

“Il futuro del Messico non è da nessun’altra parte: o sviluppiamo brevetti nell’innovazione, nello sviluppo tecnologico e nella capacità digitale, oppure non spendiamo più di 10mila dollari A testa nel nostro reddito; Questo è un chiaro imperativo del Messico”, ha insistito.

Nel frattempo, Cao Jibin ha espresso la sua ferma convinzione che la cooperazione aperta porti a un successo condiviso, per il quale è stato grato di far parte dell’alleanza. “Insieme all’UNAM, al Ministero degli Affari Esteri, all’Agenzia di cooperazione tedesca per lo sviluppo sostenibile e a tutti i membri, porteremo benefici al Messico e al popolo messicano”.

Hanno riconosciuto la leadership accademica dell’UNAM, un punto di riferimento nell’informatica e nella ricerca sui sistemi, nonché le sue capacità tecniche per la gestione dell’Intelligenza Artificiale e del Laboratorio di alta tecnologia con apparecchiature donate da Huawei. Ha affermato che il coinvolgimento del governo federale è essenziale per creare un ambiente produttivo che non lasci indietro nessuno.

Continuando il suo messaggio, Grey Vechers ha anche ricordato che 64 anni fa l’Università Nazionale è stata pioniera in America Latina facendo funzionare il primo computer. Oggi ha 92.000 computer con connessioni Internet, una dozzina di programmi educativi e di ricerca in informatica e intelligenza artificiale.

capitale umano

All’evento tenutosi presso l’Istituto per la ricerca in matematica e sistemi applicati dell’UNAM (IIMAS), e dove si sono tenuti i primi risultati del Forum sull’intelligenza artificiale, la segretaria per lo sviluppo istituzionale dell’Università nazionale, Patricia Dávila Aranda, ha celebrato l’iniziativa con continui cambiamenti tecnologici. L’alleanza e i suoi sforzi per creare una maggiore capacità nel capitale umano delle università del Paese di affrontare le sfide digitali, economiche e sociali.

“Facendo parte di questa alleanza, UNAM è riuscita ad articolare la partnership di IIMAS, Institute for Social Research, DGTIC e Coordination of Linkage and Technology Transfer, per ribadire il proprio impegno nella formazione di professionisti all’uso di tecnologie innovative. così come nell’applicazione dell’intelligenza artificiale e dello sviluppo sostenibile a beneficio dei gruppi più vulnerabili del nostro Paese”, ha sottolineato.

Nel frattempo, Ramses Humberto Mena Chavez, Direttore dell’IIMAS, ha sottolineato che l’iniziativa promuove la collaborazione tra governo, università e settore privato, in particolare esperti di tecnologia, per educare e costruire un mondo connesso e intelligente con il monitoraggio simultaneo. Sviluppo e corretto utilizzo delle capacità digitali.

Ha inoltre osservato che, nell’ambito di questa strategia, nel 2021 è stato emesso il primo invito a presentare progetti di ricerca sull’intelligenza artificiale all’interno dell’UNAM-Huawei Innovation Space, i cui risultati esistono già.

Dora Luz Flores Gutierrez, professoressa e ricercatrice presso la Facoltà di Ingegneria, Architettura e Design dell’Università Autonoma della Baja California, è intervenuta a nome dei membri dei 10 progetti sostenuti dalla coalizione nel 2021 che hanno avuto accesso a risorse ad alto rendimento informatica, ha affermato che la collaborazione tra il mondo accademico, il settore produttivo e il governo può produrre risultati efficaci ed efficienti a beneficio di tutti.

Ne sono una prova, ha indicato, i progetti incentrati sulla stima della maturazione delle fragole o dei datteri attraverso robot mobili e l’identificazione dei tratti; per lo sviluppo di un prototipo di sistema sito web Supporto medico per la classificazione degli studi mammografici, nonché lo sviluppo di uno strumento aggiuntivo per l’identificazione della farmacoresistenza della tubercolosi polmonare, tra gli altri.

Alla cerimonia erano presenti anche dell’UNAM: il Segretario Generale, Leonardo Lomeli Venegas; coordinatore della ricerca scientifica, William Lee Allardine; e Hector Benítez Pérez, direttore generale dell’informatica e delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (DGTIC), tra gli altri.

#UNAMosAccionesContralaCovid19
https://covid19comition.unam.mx/

-ooo-

Leave a Comment

Your email address will not be published.